Corriere del Veneto 16/01/2008

Uccise la zia Rito abbreviato

Per Emiliano Boschiero, il trentaquattrenne di Zelarino che il 20 gennaio del 2007 uccise a coltellate la zia Lucia Boschiero, gli avvocati difensori Gabriele Bascelli e Stefano Bruno Ferraro hanno chiesto e ottenuto il rito abbreviato. La richiesta dei due legali è stata fatta ieri davanti al giudice Maria Carla Majolino che ha fissato la prossima udienza il 17 marzo. Secondo l’accusa formulata dal pm Paola Mossa, Emiliano Boschiero, ieri presente in aula, avrebbe finito per ammazzare la zia in seguito ad un litigio nato per motivi familiari; il giovane si presentò infatti a casa degli zii e prima che questi potessero reagire si accanì contro di loro con un coltello. La donna era morta sul colpo, lo zio Ugolino Fardin e il cugino Alberto erano rimasti feriti. A bloccare Emiliano Boschiero che avrebbe pure cercato di fuggire, è intervenuto un vigile urbano ospite dei suoi genitori, accorso nell’appartamento in seguito alle urla. La perizia del medico legale e psichiatra Carlo Schenardi stabilì che il giovane non era in grado di intendere e volere al momento dell’omicidio. (P.V.)

Scarica l’articolo in PDF

No tags.
  • Trackbacks
  • Comments
  • Comments are disabled.
  • Trackbacks are disabled.